Che a piasa, che a tasa che a staga a casa

Lorenzon Bruno
Prezzo: € 12.00 euro
Codice ISBN: 88-87838-50-X
Categorie


Pubblicato
20 gen, 2014


L’autore, nell’accingersi a parlare di donne, memore di un proverbio antico ispirato da salutare prudenza, mette in guardia gli incauti: parlar de femene xe come sustar un nio de vespe.

Non c’è dubbio che l’abito fa il monaco. I vecchi affermavano: vesti ’na fascina e a te par ’na regina. A questo proposito – per coloro che sostengano che al scuro tute e femene xe compagne – i nostri nonni non dimenticavano un prudente consiglio secondo il quale non si prende né dona, né téa al lume de candéa, che vale: è meglio prima vedere al chiaro cosa c’è sotto.

Qualche volta anche gli uomini i parla parché i ga a boca, tuttavia a lengua xe a spada de e femene; per questo motivo va tenuta affilata e in esercizio perché non arrugginisca. Ma non c’è pericolo dal momento che e done se e tase e fa el gozo e no ga pase.

Gli uomini sono disposti a fare i salti mortali pur di ottenere l’amore di una femmina: per cui i nostri antenati in proposito sentenziavano che tira pi un pel de mona che un paro de bo, trascurando il saggio avvertimento che pagar e maridarse ghe xe sempre tempo.

Amare è un conto, prendere moglie o marito è un’altra cosa: par un bon matrimonio ghe vol l’omo sordo e a femena orba. Almeno nei tempi andati, i mariti erano convinti che a mujer se a tol a vita e no in prova e una volta che la si era scelta davanti all’altare era giocoforza tenersela, per quanto succedesse anche allora che el primo ano se vorìa magnarla, el secondo se se pentisse de no ‘verla magnada.

Leave a Reply