ALLORA MI PRENDERO’ UN CAPPELLO

Maria Cristina Benetti
Prezzo: € 10.00 euro
Codice ISBN: 978-88-6341-153-9
Categorie


Pubblicato
11 lug, 2017


TUTTO È INIZIATO DA QUI Sono solo una scrittrice improvvisata. Scrivere era una passione dei tempi di scuola. La mia maestra, la Signorina Elda Basaglia, soleva premiare i componimenti migliori facendoli leggere in classe. “Il tema più bello è di…” Cristina bisbigliavano i miei compagni.             

(Introduzione dell’autrice)

LASCIANDO I SENTIERI DELLA RABBIA Consapevolezza. E’ questo, credo, il valore che Cristina ha conquistato attraverso il percorso doloroso fornitole da una malattia che si è trasformata in opportunità. Consapevolezza di sé e di quei valori, in positivo o in negativo, che possiamo trovare in tutto ciò che ci circonda. La scrittura, con la sua forza, è lo strumento formidabile che ha permesso a Cristina di avvicinarsi alla sua meta, lasciando i sentieri della rabbia, che pur emerge chiara in molti passi del racconto.                
(dalla Prefazione di Fernando Gaion)

IL POTERE DELLA SCRITTURA La scrittura come risorsa per prendere contatto con la realtà ci spiega Maria Cristina Benetti nel suo libro che sottolinea come ci sia in questo cammino verso la guarigione la necessità di correggere, correggersi, scrivere, riscrivere, chiedere aiuto, dare aiuto. Lei sottolinea il potere della scrittura come mezzo per mettere ordine e soprattutto per non far diventare i pensieri negativi il concime della malattia.        
(dalla Presentazione di Luca Pinzi)

RIESCI NELLA MISURA IN CUI CI CREDI Ecco allora come la scrittura per le persone che vogliono guarire  sia uno strumento formidabile che si muove in un binario, dove da un lato c’è chi scrive della propria malattia e dall’altro c’è chi legge e si costruisce una proprio idea, una nuova rappresentazione. E’ un ponte sicuro per chi lo attraversa in ogni direzione, per chi dice e per chi ascolta, per chi scrive e per chi legge.       
(Antefatto Luca Riccardi)

Leave a Reply